una poesia di Veronica Raimo

 

tratta da Fuori dal cielo

di Veronica Raimo

Nessuno ti riconosceva

nella veste cristica

scivolata nel rosa,

moderna pietà

consumata allo scandalo.

Distese sulla croce

le tue gambe apparivano così umane

ingrossate da piedi enormi,

e così prive di tragedia.

Tu guardandoti le labbra

aspettavi il respiro

che svelasse l’inganno

ma in questo senso non sei mai esistita. Il sangue

annacquava e non sembrava più sangue.

Noi, fatti dello stesso sangue,

aspettavamo in fila

per dimenticarti, illanguiditi

da un presagio innocuo

marciti insieme

per sopravvivere ancora,

per cercare nei vetri

il riflesso dei fari

i fili dei microfoni

che s’attorcigliano alle aste.

Il martirio è una prassi privata.

Annunci