una poesia di Stefano Zuccalà

L’errore migliore

tratta da D’amore e di altre sevizie

di Stefano Zuccalà

Ti direi: lasciami cadere,
lasciami scorrazzare in lungo e in largo, di sera,
per poi tornare sempre sullo stesso punto.
Perché possa sentirmi immobile
dopo le inutili odissee del giorno,
per ritrovarmi negli stessi ghigni
che conosci molto bene, ormai.
In realtà non esiste movimento,
lo sanno un po’ tutti.
Si ruota sempre sullo stesso asse
con le vertigini che ci stringono le reni,
aggrappate alle maniglie di questo roseo
carnale niente.
Tu lasciami cadere
affinché io possa sostenerti
dopo averti fatta roteare nell’aria
in un moto centripeto di profumi, voglie.
Non chiedo nient’altro
perché non sono un altro, ma sono
esattamente l’errore migliore
che i tuoi ultimi anni hanno desiderato.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...