una poesia di Anne Sexton

 

Quando l’uomo entra nella donna
di Anne Sexton


Quando l’uomo
entra nella donna
come l’onda scava la riva,
ripetutamente,
e la donna, godendo, apre la bocca
e i denti le luccicano
come un alfabeto,
il Logos appare mungendo una stella,
e l’uomo
dentro la donna
stringe un nodo
perché mai più loro due
si separino
e la donna si fa fiore
che inghiotte il suo gambo
e il Logos appare
e sguinzaglia i loro fiumi.

Quest’uomo e questa donna
con la loro duplice fame
hanno cercato di spingersi oltre
la cortina di Dio, e ci sono
riusciti per un momento,
anche se poi Dio
nella sua perversione
scioglie il nodo.

Annunci

Un pensiero riguardo “una poesia di Anne Sexton

  1. PREGHIERA PER LA GRANDE FAMIGLIA

    Ringraziamo la Madre Terra, che attraversa il giorno e la notte
    e il suo suolo: ricco, prezioso e dolce
    nel nostro cuore, così sia
    Ringraziamo le Piante, la foglia al sole e alla luce cangiante
    e il fine pelo radicale; in piedi, ferme, nel vento
    e nella pioggia; la loro danza è nella grana del flusso che s’avvita
    nel nostro cuore, così sia
    Ringraziamo l’Aria, portatrice del rondone che si libra in volo e del silenzioso
    Gufo all’alba. Puro spirito della brezza
    respira il nostro canto
    nel nostro cuore, così sia
    Ringraziamo gli esseri Selvatici, nostri fratelli, che ci insegnano segreti,
    percorsi e libertà; che condividono con noi il loro latte;
    completi, coraggiosi e consapevoli
    nel nostro cuore, così sia
    Ringraziamo l’Acqua: nuvola, lago, fiume, ghiacciaio;
    ferma o in movimento; riversa per tutti
    i nostri corpi mari salati
    nel nostro cuore, così sia
    Ringraziamo il Sole: l’abbacinante luce pulsante che attraversa
    i tronchi degli alberi, la nebbia, che riscalda la grotta dove
    dormono orsi e serpenti – Colui che ci desta –
    nel nostro cuore, così sia
    Ringraziamo il Cielo immenso
    che racchiude nella sua vita miliardi di stelle – e ben oltre si estende –
    oltre ogni potere e pensiero
    eppure è dentro di noi –
    Lo Spazio, nostro Nonno
    Sua Moglie è la Mente
    così sia

    GARY SNYDER da una preghiera Mohawk

    è una poesia di un amico girovago e poeta, compagno di Keruak nel periodo della Beat Generations, è tempo di poeti non di immagini

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...