una poesia di Janine Pommy Vega

 

Allen

di Janine Pommy Vega 

Rastrellando il cortile mi rendo conto che
                                              [tu sei ovunque ora

Sono andata giù al fiume

ho spaccato una noce de cocco per te, l’ho gettata

nella bianca acqua della piena primaverile

come te

il sole dietro l’albero, la polpa del cocco

che oscilla nell’acqua come un teschio nella brezza

Ricordo quel poema che ci hai mostrato

allontanandoti della barca

con i nostri teschi, carne bianca di cocco

La tua grazia infinita nel collegare le persone, mai

ti ho visto scordarti il nome di qualcuno, facendo

le presentazioni, inclinandoti con brevi descrizioni

dei successi personali,

una vasta coscienza connettiva

in te, tutti gli scrittori

e giornalisti, tutti gli insegnanti e

musicisti – tu eri il centro, l’asse

Un ragazzo sedicenne in un parcheggio

mi ha fermato l’altra sera, lui ama il tuo lavoro

e gli uomini al laboratorio nella prigione richiedono

i tuoi libri, quel poema sbeffeggiante

a loro piace più di tutti,

nessuno al giorno d’oggi inviolato

dalla tua ferma politica

dalla tua compassione

Mark Twain, nato sotto la cometa di Halley

se ne andò al ritorno di Halley

Hale-Bopp entra, la più luminosa

emissaria che mai vedremo dalla materia prima

della creazione

e a tempo tu l’afferri

come il treno F dalla Second Avenue

Non essere dispiaciuta, tu dicesti, parlando

della tua morte,

ho aspettato tutta la vita per questo

Ricordo la brocca di vite della morte

ayahuasca che portasti dall’Amazonia

fosti il primo a parlare

della radiosità in cui credevo

Una tempestività nelle tue azioni, correndo

per le notizie, creando un’altra

possibilità: nuda impegnata

poetica del guerriero

Prepara una borsa piccola & colpisci la terra correndo

lanciandoti come un fiume con una noce di cocco
                                                           [rotolante

oscillante nell’acqua

Il mio ultimo sogno di te, tu eri magro

sedevi sul pavimento

Peter mi ha fatto entrare per vederti

tu cantavi alla chitarra di qualcuno

sei corso fuori all’angolo per le notizie

e ritornato

in una stanza riempiendola d’amore

di gente passata e di gente presente

Ehi Allen, ovunque ora!

Willow, NY, April 6, 1997

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...