una poesia di Antonio Porta

 

ESORTAZIONE

di Antonio Porta 

nel distendere dietro la nuca una parete di metallo
nell’appoggiare le mani sopra una parete che non c’è
come si propongono azioni di fronte a un pubblico pagato da altri

alzatevi e intingetevi l’indice
voltatevi e indicate l’uscita

osservando sollevando tutte le tende di seta
staccando distendendo le dita sopra questa parete
come si strangolano animali in una stanza gremita

alzatevi e dite di toccarvi
subito e in fretta
subito saltate via

Annunci