Oggi su Repubblica di Bari

 

 


Dal poeta Rossano Astremo al duo Di Bari e Di Credico si moltiplicano gli spot sul portale di YouTube
Libri, la pubblicità va sul web
di Antonella Gaeta

Bisogna immaginarsi il libro in formato visivo. I personaggi che prendono miracolosamente immagine, i concetti (e persino i versi) che si materializzano. Un piccolo sommovimento attraversa nell´ultimo paio d´anni il mondo dell´editoria e il suo nome è book trailer, piccolo video promozionale modello cinema veicolato essenzialmente dalla rete (leggi: YouTube). «Letteralmente un trascinatore di libri», come ama definirlo Grenar, nome d´arte di un filmaker e narratore di Mola di Bari che, ad esempio, ha realizzato la prima recensione video di un libro, La tana per la bambina con i capelli a ombrellone (romanzo prima nella versione online di Vibrisselibri. net e, poi, acquisito dalla Rizzoli).
I pugliesi hanno da subito sentitamente aderito a questo trailer per libri, realizzando anche il primato: il primo book trailer originale di un libro di poesie. L´opera in questione è L´incanto delle macerie (Icaro) di Rossano Astremo, “filmata” da Giovanni Currado su musiche di Francesco Giannico. «Il mio book trailer – racconta il poeta di Grottaglie – è stato mandato online sette mesi dopo l´uscita del libro. Ha dato nuova attenzione al libro, anche in termini di vendita. Lo porto sempre con me, lo propongo prima delle presentazioni perché amo superare le barriere tra le forme espressive e non sono per la poesia pura». Il book trailer mostra una coppia imprigionata a letto e quasi affacciata sui disastri del mondo ed anche sul proprio stare, soli e “mediatizzati”, senza gioia. In sovrimpressione, i versi. Infatti, imprescindibile è l´accostare la parola scritta e/o recitata alle immagini.
Tra i pionieri nella sezione narrativa in Italia bisogna ricordare il leccese Nino D´Attis che per il suo Montezuma airbag your pardon (Marsilio editore) ha voluto un trailer, firmato C-Music, d´impatto dove l´uomo è, come un cane, legato alla catena. «Sia che paghi, sia che rubi/ la gente è la merce» si ribadisce dal filmato.
E Uomini e cani (Isbn) è il titolo di libro e book trailer dello scrittore di Manduria, Omar Di Monopoli. «In realtà ho realizzato un book trailer cannibalizzando immagini, informazioni e musiche prese in giro. Lo trovo uno strumento molto importante, lo uso a tutte le presentazioni perché comunica qualcosa in più, immerge nell´atmosfera del testo. Trovo strano, piuttosto, che la televisione non si sia ancora impadronita di questo strumento». Molto televisivo e commerciale è invece il book trailer della Cambusa (Rizzoli) di Tommy Di Bari e Fabio Di Credico. Brevissimo (29 secondi appena) e molto più vicino a uno spot, un consiglio per gli acquisti con un montaggio veloce di estratti dalle recensioni e copertina in ampia evidenza.
Mentre mocciano, quasi amatoriale, quello che accompagna l´uscita di Non è più tempo della salentina Martina Gentile (Luca Pensa editore) con due ragazzi mano nella mano. Al book trailer si sono recentemente affidate anche altre due case editrici locali. La Besa per Millenovecentosettantasette fantasmi armati di Roberto Saporito e firmato da Nick Tambone nel quale si privilegia la riproposizione della copertina e si monta con immagini di repertorio. Palomar promuove Tutto procede in perfetto disordine del massafrese Gianluca Antonacci, lavoro molto vicino a un pezzo di videoarte con ampi bagni in atmosfere techno.
Un discorso a parte merita il book trailer dedicato al romanzo Otranto, pubblicato da Roberto Cotroneo nel ´97. Francesca Fantini e Francesca Nestola, le due autrici, ne hanno fatto la propria tesi di laurea. In questo caso con buona capacità visiva, trasformando in immagini le suggestioni meridiane contenute nel libro, dal martirio degli idruntini nel 1480 al mistero del mosaico della cattedrale.
Tornando, infine, a Grenar, anche autore di un saggio sui book trailer e sulle loro diverse forme (www. grenar. info). «La possibilità di contatto del book trailer è enorme – conclude – Con budget minimo di poche centinaia di euro è possibile realizzare un video che totalizza anche centomila visioni, in tutto paragonabile a uno spot che va in televisione e certamente più redditizio per le case editrici di un giro di presentazioni dell´autore». Autore del romanzo Signori briganti, in finale al premio Calvino e in attesa di editore, sta per realizzare un “trascinatore” del libro Una tragedia negata di Demetrio Paolin, in uscita a gennaio per le edizioni Il maestrale. Mentre la sua videorecensione indipendente di Tana per la bambina dai capelli a ombrellone di Monica Viola è stata richiesta dalla Rizzoli in occasione del lancio del romanzo all´inizio del 2008.

Annunci