una poesia di Amelia Rosselli

tratta da Le poesie

di Amelia Rosselli

In preda ad uno shock violentissimo, nella miseria
e vicino al tuo cuore mandavo profumi d’incenso nelle
tue occhiaie, Le fosse ardeatine combinavano credenze
e sogni – io ero partita, tu eri tornato – la morte
era una crescenza di violenze che non si sfogavano
nella tua testa d’inganno. Le acque limacciose del
mio disinganno erano limate dalla tua gioia e dal
mio averti in mano, vicino e lontano come il turbine
delle stelle d’estate. Il vento di notte partiva e
sognava cose grandiose: io rimavo entro il mio potere
e partecipavo al vuoto. La colonna vertebrale dei
tuoi peccati arringava la folla: il treno si fermava
ed era entro il suo dire che sostava il vero.

Nell’incontro con la favola risiedevano i banditi.

Annunci