Antonio Moresco, Zingari di merda: un estratto

[…]
Dumitru tira fuori un pacchetto di biscotti ripieni di cioccolata, che aveva comperato in un’area di servizio lungo l’autostrada. Ne tira fuori tre e li tira, uno per ogni cane. I tre cani si avventano sui biscotti. Ma, un secondo dopo, uno dei cani grandi, mentre ancora stava divorando il suo biscotto, si slancia furiosamente sul cucciolo che sta cercando di mangiare il suo. Lo azzanna alla gola e lo rovescia a terra. Il cucciolo emette degli spaventosi guaiti. Il cane grande gli ruba il biscotto e lo divora in un solo boccone, mentre il cucciolo scappa via piangendo. Dumitru osserva la scena senza parlare, impietrito. Risaliamo in macchina, si rimette al posto di guida. Non gli pare vero che non gli abbiano scambiato le gomme durante la notte. Il suo è un mondo duro, dove l’inimicizia è totale, come quello di quei tre cani che adesso ci corrono dietro abbaiando. In cui si può solo lottare gli uni contro gli altri per riuscire a vivere e a difendere con ogni mezzo le possibilità di sopravvivenza della propria famiglia.
[…]

Zingari di merda si può leggere qui.