Come un diario #3

Se non posso comprare Lsd ma solo iPhone,

se ogni fallimento mi confina nella solitudine,

se tutti i miei amici smettono di fumare,

se le rivoluzioni oggi sono impossibili,

vuol dire che non è reale ciò che penso,

ma solo un sudicio fantasma irreale.

Dov’è l’inizio? L’inizio di cosa?

Se penso all’incidente prima che accada,

se per il tuo incauto fermarti tra le braccia ti muoio,

se nella notte in cielo osservo la rissa di stelle,

se non trovo orizzonte più perfetto delle tue mani,

vuol dire che tutto dimentico,

tranne che nello zero stremo.

È da qui che devo ricominciare.

r.a.