Il sottoscritto legge un po’ di Gregory Corso