una poesia di Gioia Perrone

Sarebbe tutto normale sotto questa tangenziale

di Gioia Perrone

:::

Sarebbe tutto normale sotto questa tangenziale
dritta e senza Somebody to love nello stereo

(solo  vuoto giallo
solo la lucertolina della pineta
la telefonata dalla voce sommessa
di Vito che “è meglio se mi opero le emorroidi” proclama.)


senza questa voglia di vomitare nel mare, denudarsi! Vomitare!
auscultare il verde silenzio senza più richiami
spifferi ammiccanti, allergie, ammutinamenti toracei

Sarebbe tutto al suo posto, se non fosse

Che certe sere piove anche sotto certi portici
e sembra che non si possa parlare, dire il miscuglio che un attimo viene
lento violetto poi indaco e pure sembra
d’i essere una certa marca di apparecchi registratori
per maree e visitatori occasionali

Sarebbe tutto regolare
se solo non mi avessi lasciato questo codice impossibile
quest’assenza  di rabbia ossessione in un deglutire questo
viso sospeso per le strade che mi porto questa
allegria di un attimo

che non fa arrossire.