una poesia di Vittorio Bodini

NIGHT II
di Vittorio Bodini
:::
:::
Se bere un whisky è versarlo
sull’arso terriccio della propria tomba
dove l’oscenità canticchia assassinata
dall’ombra d’un cane o dalla furia della ragione
trofei d’occhi inespugnati
come fregi di antiche stamperie
si scioglieranno nell’alcol tra i sadici archivi
di una notte tradita da strambi propositi.
Una finestra morrà.
Morrà sul Bosforo un ferro di cavallo.

Annunci