Tiziano Scarpa: una poesia

Lu poeto
di Tiziano Scarpa

Ce vene lu poeto ne lu paese,
ce leggie lu poemo d’ammure.

Ne la piazza diserta
nu ce stà nissuno.

L’ommene e li fimmeni de lu paese
ce stanno innante a lu tilivisore
a guardà lu calcio de lu guberno,
lu tiliggiurnalo de lu guberno,
la comicata de lu guberno.

Sulamente lu bedello de la scola
ce rapprisinta lu sindoco ne la piazza diserta,
pe nun farcere ponzà a lu poeto
che lu paese tene gnoranza.

Lu bedello ce addumanda a lu poeto:

“Poeto, picché ce abbi scrittato lu poemo?”

“Picché sò poeto.”

“E picché sì poeto?”

“Picché sò io.”

“Puro io sò io.”

“Annò.
Tu sì tu.”

“Ecché, io sò tu?”

“Annò.
Tu nun sì io.
Tu sì tu.
Sultanto io sò io.”

“E picché?”

“Picché abbio scrittato lu poemo.”

“E che iè lu poemo?”

“Lu poemo iè lu macinino de lu munno.
Tutto lu munno ce intra
e ce uscie sultanto io.
Ne lu macinino de lu poemo
tutto lu munno s’addeventa io.
Accusì puro io
me ce intro ne lu macinino de lu poemo,
e da lu poemo ce uscie de fora tutto lu munno.”

“E si me ce intri puro a mme ne lu macinino,
io che m’addevento?”

“T’addeventi lu bedello de la scola,
ioppuro lu sindoco,
ioppuro lu cumandante de lu munno,
picché tu nun essisti.”

“Poeto camurro,
picché ce parli cu lu fantasmo che nun essiste
ne la piazza diserta?
Che, ce sì locco frallocco?
Che, ce sì scemo triscemo?”

“Ce sò poeto d’ammure,
che ne lu poemo mio
tutto lu munno s’addeventa io,
e tutto chillu che sò io s’addeventa lu munno,
e a tutto ce truvo segnificanza.
A tutto ce voglio bbene
comme si fusse lu carcasso mio.”

“Poeto d’ammure,
che, ce sì nu poco ricchione?”

“Ce sò lu ricchione de lu munno,
ce sò lu sposo de lu stellatico
e de lu selenzio,
ce sò lu marito de la luna
e de la notte nottosa.”

“E picché nun te ce truvi una frigna?”

“Picché la frigna mia
ce la tengo derentro de me
inseme cu la luna, cu lu stellatico
e cu tutto lu munno.”

“Poeto ricchione e rumantico,
che, me ce impari a scrittà lu poemo?
Accusì puro io ce voglio bbene a tutto lu munno
e nun tengo più abbisogno de frigna.”

“Bedello gnoranto,
tu nun ce debbi tenirce abbisogno de frigna,
nun ce debbi tenirce abbisogno d’ammure.
Nu teni abbisogno de nirchia,
picché tu nun essisti.
Sì nu fantasmo.”

“E picché me ce abbi scrittato
si nun essisto?
Mò che me ce abbi scrittato
ce tengo abbisogno de tutto lu munno.
Lu fantasmo iè nu coso
che tene abbisogno de tutto lu munno.”

“Fantasmo,
te ce vulisse dartece tutto lu munno,
ma nun poto,
picché sò poeto pizzente e scagnato.
T’abbio scrittato
accusì ce sinto abbisogno
puro de lu munno tuo,
ce sinto abbisogno
puro de l’abbisogno tuo.”

“Poeto ricchione e camurro,
mò puro tu t’addeventi fantasmo.”

Lu bedello ce se lu magna.

Lu poeto s’addeventa fantasmo,
ce scumpare ne la notte nottosa.
S’addeventa fiataglia de vento,
ce carezza le petale de li flori
che s’addormono ne la scuraglia.

Ma intante che lu poeto
ce se cride de sire fantasmo
e ce curre pe la piazza diserta,
lu sasso che nun tene segnificanza
lu face cespicà de capitozzo.

Lu poeto ce sinte lu doglio ne lu pede,
ce manna nu bistimmio a lu stellatico
e a lu sindoco camurro
che nun ce repara mai la piazza scagnata.

Lu poeto ce s’azzoppica de pedelento,
ce maladice la vita sua pizzente e scagnata
che nun tene nimmanco la motorina
pe turnarcese a ccasa de còmmodo.