Nino D’Attis, Mostri per le masse, dal 10 settembre nelle librerie: un’anticipazione

da Mostri per le masse

di Nino G. D’Attis

:::

Spiega tu.

Spiega tu chi sono.

Il vuoto che si nasconde in ogni respiro che faccio, la disperazione di ogni bestemmia.

Mi hanno fatto saltare in aria stanotte.

Nel sogno c’eri anche tu.

Saltavo in aria.

Brandelli di carne bruciata in un vortice di fuoco.

C’eri tu.

Il coniglio vestrito di rosso che salta giù da un catafalco portando una vittima infilzata sull’asta.

Il giocoliere senza una gamba con la beretta a spicchi da prete calcata sul teschio.

Il suonatore d’organo che gira la manovella dietro un paravento mentre Satana inghiotte i dannati e li caca dentro una bolla trasparente.

Ho fatto la doccia.

Bugie nascoste nel buco del culo.

Cosa ti hanno raccontato di me?

Acido. Vomito. Acido. Bugie.

Ho bisogno di farmi.

Ho bisogno di restare a galla.